Ingredienti

Per la pasta:
250 gr. di farina
125 ml. di acqua
20 ml. di latte
25 ml. di olio evo
un pizzico di zucchero
6 gr. lievito di birra fresco
7 gr. sale fino
1 litro di olio di semi di arachidi per friggere
Per il ripieno:
2 cucchiai di acqua calda
100 gr. ‘ndujia
200 gr. provola grattugiata
origano q.b.
La tradizione
I panzerotti rappresentano l’incontro tra due cucine: quella pugliese e quella calabrese. È la ricetta dell’unione, delle serata tra amici. Un panzerotto mette tutti di buon umore. La versione che vi propongo qui è più romantica, dal ripieno deciso. Un piatto per fare pace o semplicemente per coccolarsi un po’ di più.

Procedimento

Panzerotti ripieni di ‘nduja e provola

In una ciotola mischiare l’acqua, il latte, lo zucchero e sciogliere il lievito. Aggiungere la farina e mescolare il tutto.

Quando l’impasto è ben amalgamato, aggiungere l’olio e il sale, impastare e formare una palla liscia e omogenea. Adagiare in una ciotola con il coperchio o coprirla con una pellicola e lasciare lievitare sino al raddoppio.

Nel frattempo mettere in una ciotolina la ‘ndujia e l’acqua e amalgamare bene, aggiungere la provola tritata e l’origano.

Quando l’impasto è lievitato, stenderlo delicatamente con un mattarello, coppare con una formina a forma di cuore, mettere al centro un cucchiaino di composto, passare sui bordi del panzerotto dell’acqua con un pennello e adagiare sopra un altro cuore in modo tale che la pasta si possa attaccare meglio e in fase di frittura il ripieno non fuoriuscirà.

Metterli su un piano infarinato e lasciarli riposare 30 minuti coperti.

Mettere l’olio a riscaldare in una padella con i bordi alti. Quando si raggiunge la temperatura 175° si può incominciare a friggere. Quando i panzerotti incominciano a prendere colore, scolare su carta assorbente.

I consigli di Nuccia

Mettere pochi panzerotti alla volta a friggere per non abbassare molto la temperatura dell’olio.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.